Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Moda e Cinema anno 2013, questione di feeling

Scritto da 
Pubblicato in blog

 

Tra la moda ed il cinema vi è sempre tanto tanto feeling, ci basta guardare al solo anno 2013 per capire quanto solido è questo legame.

Proprio in questi giorni Dolce & Gabbana si sono impegnati a sostenere il restauro della pellicola “Boccaccio ‘70”, un film in quattro episodi diretti da Vittorio De Sica, Federico Fellini, Mario Monicelli e Luchino Visconti.

Una buona idea dopo i problemi con il fisco, bisogna pur dire che i due stilisti non sono nuovi a questo tipo di operazione, infatti Satyricon Di Fellini rappresenta un’ulteriore contributo della casa di moda per il recupero del film avvenuto durante l’anno 2012.

 Boccaccio 70 non è un caso isolato per quest'anno, ed è argomento di questi giorni la proiezione di un classico del 1955, l'intramontabile Gioventù Bruciata.

Gucci, The Film Foundation e Warner Bros. Entertainment hanno restaurato il film e lo scorso 1 novembre, alla prima mondiale tenutasi a Los Angeles, a presentarlo ci ha pensato Martin Scorsese, affiancato da Frida Giannini, direttore creativo di Gucci.

 

 

 Ma a questo punto non possiamo dimenticare Il grande Gatsby tra i film proiettati quest’anno, il cui costo è stato di 105 milioni di dollari, diretto da Baz Luhrmann ed interpretato da Leonardo DiCaprio, Carey Mulligan e Tobey Maguire. I costumi di scena sono stati disegnati da Miuccia Prada poi successivamente finiti alla Galleria Alberto Sordi di Roma.

Un argomento molto ampio quello del binomio moda - cinema,  dove l’abbigliamento gioca un ruolo fondamentale nella realizzazione di un film, ad esempio gli attori che devono ricoprire un ruolo e calarsi nelle "vesti" di personaggi definiti secondo il copione, assumono molta più credibilità, se anche gli abiti che indossano, sono scelti adeguatamente.

Questo sodalizio non può avvenire senza il prezioso contributo dello stilista, che spesso offre la sua collezione, i suoi abiti, alla produzione di un film, ricevendo in cambio tanta visibilità e notorietà. Insomma pubblicità gratuita per il brand che offre la collezione e vantaggi notevoli per la produzione, tutto questo oggi ha un nome e si chiama: promo-costuming.

 

Hoplites

Made in Italy: No Compromise

Sito web: www.hoplites.it
contatta
Contattaci, è semplice.
photo-gallery
video-gallery

suggerimenti

informazioni

 
HOPLITES srl
 
76123 ANDRIA(BT) ITALY
 
tel/fax +39.0883.558820

P.iva 06934630721